Dimagrire con una nuova visione, Gli effetti del cibo sul corpo, Questa pazza voglia di dolce

La potenza del cibo

RISULTATI, RISULTATI, RISULTATI…
Questo io volevo!
Che le persone che mi seguono abbiano sempre più risultati e siano sempre più soddisfatte:
vedano il proprio corpo cambiare, il proprio volto illuminarsi, ringiovanire, perdere i chili fastidiosi di troppo, cominciare ad essere più flessibili, più elastici, cominciare a sentire i propri organi che lavorano meglio, svegliarsi al mattino con più grinta e con una mente lucida, smetterla di cercare cibo in continuazione e aggrapparsi ai cibi dei bar o ai cibi consolatori!

Quando stavo organizzando la serata del 21 settembre “ricomincio da me”, data che ha favorito tutto il gruppo che ha deciso di seguire con me la dieta “pazza”, ero in cerca di una soluzione innovativa che potesse davvero far capire alle persone che partecipavano alla serata quanto è potente l’effetto del cibo sul corpo.
Penso, ripenso, medito, mi connetto con il mio Buddha interiore, mi domando, chiedo alle persone a me vicine e poi ahhhh l’illuminazione: propongo una settimana di riso integrale e miglio, i due cereali che più asciugano il corpo e lo riportano in equilibrio.

Non sapendo bene i punti di partenza delle varie persone che partecipavano mi sono detta che era comunque importante che le ricette fossero saporite, colorate, goduriose (quindi come base ho sempre usato le ricette del tuo menù naturale organizzato)
Perché la sfida era….
Siiii c’era una sfida questa settimana di dieta “pazza” evitare i prodotti da forno (taralli, fette biscottate, biscotti, focacce, grissini, panini, pizze, ecc…insomma le farine cotte al forno) ed evitare di mangiare tra i pasti (poi se proprio saltava lo sghiribizzo come consiglio si poteva bere del succo di mela caldo o si poteva mangiare la crema di riso integrale che avevo assegnato al mattino).

Il mio obbiettivo era: far sperimentare alle persone il potere del cibo sul corpo e a dare ad esso un forte impulso di cambiamento e di rimessa in ordine…
insomma anche per me questa settimana è stata una sfida: mandare un forte messaggio di auto educazione alimentare sotto la mia guida!

Quindi ho creato un gruppo sulla chat con le persone che avevano partecipato alla serata del 21 settembre che ho chiamato la dieta “pazza” e ogni giorno io mandavo il menù, dalla colazione alla cena.

Ho pensato e sentito tutto nei minimi dettagli: la crema di riso non poteva essere una semplice crema di riso, era importante che ci fosse qualcosa che desse sostegno mentale ed emotivo nel cambiamento.
E quindi cosa meglio delle magiche spezie poteva svolgere questo magico ruolo?
Ho scelto la cannella per la sua qualità coccolante oltre ad avere quella di gestire al meglio la glicemia evitando sbalzi di fame, poi il suo profumo conforta, calma l’anima, il cuore, la mente, le paure, le solitudini.

Ho deciso anche per un baccello di cardamomo perché nella medicina ayurvedica è considerata la spezia a guardia dello stomaco ma a guardia non solo perché aiuta la digestione, ma proprio perché funziona un po’ come i dragoni posti davanti i cancelli dei castelli medioevali o i mostri davanti ai templi induisti di Bali.
Il cardamomo frena la passione sfrenata di imbottirsi di cibo, quindi diciamo è un valido aiuto di fronte alle tentazioni per strada, nei bar, nei supermercati, davanti alle macchinette.
Ehh infatti queste due magiche spezie cotte a lungo per evitare i loro effetti yin (bisogna stare molto attenti con le spezie in questo periodo dell’anno come spiegherò martedì 17 ottobre nel corso di cucina autunno/inverno) hanno funzionato benissimo insieme alla combinazione degli stili di cottura e delle verdure consigliate.
Tutti i partecipanti hanno gloriosamente messo ordine nelle proprie abitudini riducendo se non proprio eliminando i desideri di pasticci.
E questo per me è uno straordinario risultato perché una dieta non è valida se il corpo non comprende in modo profondo l’ordine!!!
L’ordine dell’universo che oggi gli studi scientifici finalmente avvallano (qui il link di una ricerca scientifica inglese i cui risultati sono “I partecipanti che hanno partecipato allo studio che hanno consumato 5 pasti al giorno hanno avuto una riduzione meno significativa degli alti livelli di trigliceridi e endotossine nel loro sangue”)!
Quindi è vero il detto, che anche la scienza che oggi noi nominiamo e stranominiamo conferma, che chi mangia seguendo la legge della natura regola il proprio organismo e aiuta ad auto guarirsi.
Gli antichi dicevano: si mangia quando sorge il sole, quando il sole è alto in cielo e quando cala.
Certo può non essere immediato questo salto, gli scivoloni possono esserci ed anche io, che è da 5 anni che seguo questo stile alimentare naturale basato in prevalenza su cereali, verdure e legumi, mi sono auto educata nel tempo… il vero successo dicono si vede nel tempo.

Ricordo ancora le voglie pazze di quando ero vicina al mestruo, che ho iniziato a gestire con i dolci naturali come quelli che ti insegnerò martedì 17 ottobre nel corso di cucina autunno inverno da Sale in Zucca, per poi aver conquistato oggi un certo amorevole distacco verso i dolci e soprattutto quello che per me era una dipendenza: il cioccolato.
Ma ho educato ogni giorno il mio corpo così come ho fatto in questi sette giorni con i coraggiosi partecipanti della dieta “pazza” e i risultati sono arrivati per tutti, a seconda del punto di partenza , in modi diversi.

Marina Giordano scrive nella chat della dieta “pazza”:

Ciao a tutto il gruppo eccomi qui con la nostra (mia e di mio marito) cronaca della settimana. Siamo felicissimi, siamo stati veramente molto rigorosi. I benefici sono innumerevoli , un po’ quelli che hanno elencato tutti al benessere generale fisico, leggerezza, meno gonfiore si è aggiunta la lucidità mentale. Che non è poco…
Non abbiamo assolutamente faticato nel seguire la dieta né cercato consolazione. Addirittura ieri ho passato la giornata in uno stand con una focaccia dolce sotto il naso senza incorrere in tentazione. Per me una cosa incredibile.
Di negativo c’è che abbiamo sviluppato una dipendenza da crema di riso 🙂 🙂 🙂 scherzo ma l’amiamo molto.
Infine cosa non da poco soprattutto per me che ho la tiroide che non funziona bene ho perso 2 kg in una settimana…davvero notevole. Grazie Silvia e grazie Paola per il vostro sostegno e grazie a tutto il gruppo . Nel gruppo c’è una forza maggiore”.

Paola Farina aggiunge: “io credo di aver cambiato faccia…davvero…i benefici sono tantissimi: più leggerezza, più elasticità, più energia, più vitalità, nessun gonfiore, nessun dolore di stomaco. E da un punto di vista mentale, anche per me è scomparso ogni desiderio di mangiare tra un pasto e l’altro. Grazie Silvia e grazie a tutto il gruppo perché mi è servito molto condividere, ora sto preparando la crema di riso per i prossimi giorni …adesso che ho scoperto questa ricetta non la mollo più

Antonella Ippolito da Miami (sii perché Cucina in Cambiamento è anche internazionale): “Carissime compagne a dieta pazza, ecco i miei benefici: forza, pancia più piatta, corpo più flessibile quando faccio yoga, eliminazione di zuccheri e niente pane e farine e nessun problema o crisi depressiva”.

Anna Giannone:

E’ stata una esperienza bellissima e produttiva! In primis è sparita la mia fame di dolci costante che è già tanto, poi ho imparato delle ricette nuove e ho mangiato per tutta la settimana con soddisfazione, io continuerei anche la prossima settimana

 

 

Elena Della Valle: “Ma grazie a te Silvia, per la vicinanza emotiva e la generosità dei contenuti. Io come ho già scritto, ho avuto modo di fare solo alcune preparazioni…per mancanza di tempo, è stata una settimana intensa. Ho avuto qualche cedimento ma per me è stato un grosso traguardo non alimentarmi di alcuni cibi di cui avevo una totale dipendenza. E’ stata una esperienza interessante sotto molti aspetti, mi sentivo in ricerca, è stato come imbattermi e sperimentarmi in una nuova avventura. Benefici: sono sgonfia e straordinariamente non ho bisogno di spiluzzicare ogni due/tre ore, questa dieta consente una autonomia di diverse ore…pazzesco! Concludo ringraziando nuovamente la ciurma per la preziosa e piacevole condivisione!

Ed io concludo con un grazie enorme dal cuore!
ora aspetto te che vuoi avere risultati con il metodo “io ti accompagno, tu assapori” con il tuo menù naturale organizzato…

Love, trust, care
Silvia

P.S: ho aperto anche un gruppo chiuso di Facebook per chi partecipa al tuo menù naturale organizzato per seguirti più da vicino, per dubbi, per scambi, per sostenerci 🙂 chiedi l’iscrizione!

P.P.S: Ti aspetto anche con un super menù e con tanti trucchetti per non ammalarti al corso di cucina autunno/inverno martedì 17 ottobre!