Alcuni contenuti e funzionalità  sono bloccati dalle  tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “Facebook Pixel [noscript]” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disattivati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

I biscotti più buoni della terra

Sono i biscotti più  buoni Terra, anche perché fanno bene alla nostra Madre Terra oltre che alla nostra pancia, provare per credere.

Domenica pomeriggio con i nostri amici argentini siamo andati a fare una bella camminata sul monte Musinè, una oretta da Torino.

E caspiterina non si aspettavo una salita così importante.

Io non sono una triatleta come Leo, il suo amico Nacho e la sua fidanzata Stella.

E quando ho visto una camminata in salita di 2 ore e venti mi è venuto un colpo.

Oltre tutto ero anche stanca e veramente avrei voluto passare il pomeriggio stravaccata sul divano sotto una coperta (me ne sarei pentita).

Mi piace fare movimento ma non sono una patita dei grandi sforzi atletici, cammino tanto con Totò e faccio un po’ di Yoga nella mia routine quotidiana.

E così quando ho iniziato a salire non vedevo l’ora che fosse già finita e più guardavo la cima e più mi sembrava lontana la meta.

Poi passo dopo passo ho cominciato a sentirmi più energetica, l’energia intorno era bella e quindi decisi di metterci forza e arrivai in cima solo tre minuti dopo i triatleti.

E per festeggiare e riempierci di energia ho tirato fuori questi biscotti che avevo fatto la mattina perché mi ero alzata con una tremenda voglia di dolce.

Chi ha letto il mio libro sa che io sono stata talmente appassionata di dolci che ero bella ciocciotta e avevo una decina di kili, ero gonfia e mi sono fatta venire pure un bel pre diabete, qualche disturbo alla tiroide e tanto per non farsi mancare nulla la sindrome metabolica.

 

Ancora oggi che sono guarita e dimagrita quando sono stressata o vivo un momento particolare il dolce è rimasto il richiamo più forte.

Forse è anche una maniera di premiarmi.

La scorsa settimana è stata super impegnativa e infetti quando mi sono svegliata domenica mattina mi sono detta : voglio proprio coccolarmi.

E così ho creato questi biscotti che devo dire che sono piaciuti davvero tanto ai miei amici.

Nella vita bisogna anche sapersi premiare però bisogna anche saperlo fare.

Io ho imparato grazie alla mia malattia che se cucino io i dolci e li faccio a regola d’arte come ti insegno nel mio libro salvo baracca e burattini ovvero mi tolgo la voglia di dolce e rimango senza sensi di colpa aiutando il mio corpo a restare in equilibrio.

I dolci in equilibrio sono una gran figata.

E imparare a togliersi la voglia di dolce così diventa divertente e liberatorio.

Se non sei ancora del club Bye Bye Voglia di dolce ecco il link :
https://www.cucinaincambiamento.com/libro-bye-i-bye-voglia-di-dolce

 

E poi fammi sapere postando nel gruppo facebook la tua Dieta Naturale in Equilibrio come ti sono venuti i tuoi biscotti.

 

A me personalmente ricordano quelli della nonna tipiche della zona piemontese delle Langhe però ovviamente in versione light.

Biscotti alle nocciole

 

Ingredienti:

-200 g farina di riso
-80 g nocciole tostate
-40 g farina di grano saraceno
-80 g olio di mais/di girasole/di cocco
-160 g malto di riso o sciroppo di acero
-10 g lievito naturale per dolci
-scorza di limone bio grattugiata
-granella di nocciole per decorare

Procedimento:

  1. Trita finemente le nocciole con un mixer, poi uniscile alle farine di riso e di grano saraceno, il lievito e la scorza di limone
  2. Mescola insieme l’olio e il malto e versateli a poco a poco sul mix di ingredienti secchi impastando con le mani fino a formare un impasto omogeneo
  3. Forma delle palline con le mani e disponile su una teglia ricoperta di carta forno appiattendole leggermente con le dita.
  4. Spolverizza ciascun biscotto con granella di nocciole premendo leggermente con le dita per farla aderire
  5. Inforna a 180 gradi per 15 minuti circa. Appena estratti dal forno dovranno essere ancora morbidi, si induriranno raffreddandosi..

 

Facili vero ?

Love, trust, care

Silvia

 

Informativa breve cookie
Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy

Alcuni contenuti e funzionalità  sono bloccati dalle  tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “%SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disattivati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.